Via Statale 471, 23013 Cosio Valtellino (SO)
Tel. 0342 635.421
Fax. 0342 636.465
info@vetrog.it

Vetro Stratificato

Il vetro stratificato, o dall’inglese vetro “laminato” è formato unendo due o più strati di vetro (float o trattato) alternato ad un materiale plastico, solitamente polivinilbutirrale (PVB).
Il PVB è unito a sandwich con il vetro che è poi scaldato a 70 °C e pressato con rulli per espellere l’aria ed unire i materiali, l’operazione viene conclusa inserendo il sandwich così composto in un’autoclave a temperatura e pressione costante, dove si completa il processo di espulsione dell’aria, rendendo così il vetro laminato nuovamente trasparente.
Un tipico vetro stratificato usato nelle applicazioni residenziali è costituito da: 3 mm di vetro / 0,38 mm di PVB / 3 mm di vetro. Il prodotto dell’esempio è definito vetro stratificato “33.1”.
Con l’entrata in vigore della nuova UNI7697 2014 che determina le classi minime di sicurezza nelle abitazioni, le industrie produttrici hanno iniziato a proporre una nuova stratigrafia: 2+2 ovvero due vetri da 2mm uniti dal plastico, questo per ridurre i pesi senza determinare un livello inferiore di sicurezza.
Inoltre qualsiasi strato di PVB dona al materiale anche un maggiore effetto di isolamento acustico e riduce del 99% la trasparenza alla luce ultravioletta.

Vetro stratificato - Vetro G


Cod.Fisc. – P.Iva – CCIAA: 00070420146