Via Statale 471, 23013 Cosio Valtellino (SO)
Tel. 0342 635.421
Fax. 0342 636.465
info@vetrog.it

Vetrate Anti Condensa

Le scelte dei vetri è determinata da parametri economici, caratteristiche ambientali e comfort che permette di offrire all’unità immobiliare un vetro in grado di migliorare giorno per giorno la qualità della vita, permettendo anche la massima trasparenza per godere appieno della vista all’esterno. A volte però si possono verificare dei fenomeni strettamente correlati al vetro, infatti, un efficace isolamento termico può provocare un problema di condensa sulla superficie esterna e compromettere il comfort visivo.

La condensa si forma quando si verificano due condizioni particolari: temperature basse e una elevata umidità dell’ambiente. In queste condizioni una bassa perdita di calore attraverso vetri ad alte prestazioni implica che la temperatura della superficie esterna del vetro può scendere sotto la temperatura di rugiada dell’aria esterna, a questo punto si forma la condensa sui vetri come piccole goccioline. Il problema è aggravato quando il vetro è direttamente esposto ad un cielo molto chiaro, senza nuvole o con una vetrata inclinata. Ma è bene tener presente che la formazione di condensa esterna dimostra che un pannello di vetro isolante è davvero efficace.
Quindi la condensa, non può esser considerata un difetto della vetrata.

E’ possibile limitare la formazione di condensa esterna utilizzando speciali coating sull’esterno del vetro che ne aumentano la resistività e alzano la temperatura della superficie del vetro sopra il punto di rugiada. Come Planibel AF (AntiFog) con uno speciale coating rivolto all’esterno che alza il punto di rugiada.

D’altro canto si possono verificare anche problemi di condensa dal lato interno. Abbiamo questo tipo di fenomeno quando la vetrata non è così performante quanto gli altri elementi che dividono gli ambienti interni dall’esterno, ad esempio i muri o la stessa differenza tra bordo vetro ed il suo centro. A questo punto un elevato tasso di umidità farà si che il vapore acqueo si formi sulla superficie più fredda del vetro: vicino al perimetro. Il caso più palese è all’interno dei bagni dopo una doccia, l’umidità appannerà tutte le superfici vetrate. Per quanto riguarda il limitare la formazione di condensa interna è possibile limitare la percentuale di umidità nell’ambiente interno e migliorarne l’aereazione. In casi limite occorre sostituire i vetri con una vetrata più performante es. uguale o minore di Ug 1.0 W/(m2K) e prevedere la canalina Warm Edge. E’ bene precisare che la condensa non rappresenta un problema tecnico, ma legato all’isolamento dell’edificio in relazione all’ambiente.




Cod.Fisc. – P.Iva – CCIAA: 00070420146